venerdì 18 ottobre 2013

“Asteroide 2032??”

Una notizia di oggi, Venerdì, 18 ottobre 2013. Un passo dal link qui sotto citato: “L’asteroide 2013 TV135, che misura 410 metri, potrebbe colpire il nostro pianeta, provocando un’esplosione paragonabile a 50 bombe atomiche. Nonostante le possibilità siano molto basse, una su 63.000 secondo la scala Torino che misura la pericolosità di questi corpi celesti, gli scienziati hanno inserito questo oggetto spaziale nella lista degli asteroidi pericolosi. Quando? Nel 2032. E’ stato scoperto nella costellazione delle Giraffe dall’ ‘Osservatorio della Crimea’ nel Sud dell’Ucraina da Gennady Borisov.” 

Fonte: 
http://www.affaritaliani.it/culturaspettacoli/nuova-data-della-fine-del-mondo.html 

Altra fonte online: Esperti delle forze speciali USA hanno previsto l’impatto di un meteorite sulla Terra [Video].


Una conferma: “Padre Nostro, che sei nei cieli, viene il tuo Regno. E’ fatta la Tua volontà, in cielo e in terra. Sono venti secoli più l’età del Salvatore. Amen” (Pier Carpi, Le profezie di Papa Giovanni, Edizioni Mediterranee, Roma 1976, p. 90, corsivo in originale). “E l’ultima frase della profezia che chiaramente quando questo dovrebbe avvenire: sono venti secoli più l’età del Salvatore. A meno che non vi siano significati nascosti, e non credo, il giorno del giudizio dovrebbe essere nel 2033 d.C.” (ibidem, p. 91). 
 


UNA “SEGNALAZIONE”



SEGNALAZIONE”


Si segnala quest’articolo: M. Martinelli, Governance del pianeta Terra, le rivelazioni di Harry Potter e Dmitrij Medvedev, in “Notiziario Ufo – International Magazine” (Mensile del CUN [Centro Ufologico Nazionale]), Anno II, n. 9 (settembre 2013), pp. 41-49 (note finali alle pp. 49-51).
L’articolista si riferisce sia alla nota serie di Harry Potter – cosa che, personalmente, m’interessa poco – sia invece, cosa ben più importante, alle parole dell’attuale premier russo D. Medvedev, in fuori onda, come suol dirsi, e non smentite (1). Si tratta di un’intervista del 7 dicembre del 2012, dove si sostiene (2) che tutti i presidenti russi, assieme alla valigetta nucleare, una cartella dedicata agli Ufo. Medvedev, poi, aggiunge che di tali cose se ne parla in un noto documentario, “Gli uomini in Nero” (3), ed infine soggiunge che gli alieni sono fra noi.
Di seguito, parla dell’esistenza di una “organizzazione” - e si fa riferimento al noto libro di S. Hutin sulle società segrete, stranamente nella versione in inglese: ma c’è anche in italiano, e da un po’ di tempo (4) -; tale organizzazione avrebbe come scopo quella di “acclimatazione” alla presenza sedicente “extra-terrestre”. Vi sarebbe un’altra “organizzazione”, con scopo contrario, che sarebbe “satanica” in senso etimologico: “Satàn” = avversario.
Non manca una citazione da Il Re del Mondo di Guénon, ma non sembrerebbe con lo scopo di supportare le visioni dell’autore citato (Guénon cioè). Si cita, poi, fra i membri della prima organizzazione detta qui sopra – cioè quella “buona”, che ci “acclimata” agli “Ufo” - il conte S. Yulevich Witte (5), ma pure G. Ivànovich Gurdjieff. Quest’ultimo è detto essere tra i precursori del “New World Order”, il “Nuovo Ordine Mondiale” ormai in atto da due anni (6), se con ciò intendiamo una svolta nettissima nell’economia del mondo, una sostanziale “cesura” fra economia e consenso, un’auto-referenzialità del mondo finanziario, senza dubbio cominciata con gli anni Ottanta del secolo scorso (direi che il 1974, con la fine del “Gold Exchange Standard”, è stato il primo mattone), ma completata solo due anni fa, come inizio della fase finale. Al momento devono ancora terminare; il fine in vista, a breve tempo, è quello di una sola valuta unica globale.
Alla nota n°26 (a p. 50 la si legge), l’autore del detto articolo riporta un passo di J. G, Bennett (7), dove parla di una sorta di “organizzazione” che sarebbe sulla Terra, ma – ed ecco il punto – non necessariamente nel senso in cui lo interpreta l’autore del testo. Sinceramente, a me pare una interpretazione un po’ forzata.
In linea generale, quando si parla di queste cose, occorrerebbe esser consapevoli dell’“effetto specchietto per le allodole”, come lo chiamo. Altrove ho fatto delle osservazioni al riguardo (8), soprattutto nelle note, sugli errori di credere che !quel” mondo sia “regolare” o “lineare”: nulla è come sembra, in effetti. Lo scopo dello scritto, infatti, non è stato quello di sostenere questa o quella tesi – ovviamente ci sono anche delle tesi, ma “anche” - quanto piuttosto di fra ragionare il lettore, facendogli comprendere come sia azzardato ragionare in base a delle logiche applicate in “quel” campo dall’esterno. Tra l’altro, ho spesso citato esattamente quello stesso libro – ma nell’edizione in italiano – di S. Hutin, che l’autore dell’articolo qui brevemente segnalato ha citato... 



NOTE 

(1) Precisamente in:
“ALIENI TRA NOI” - LO CONFERMA ANCHE L’EX PRESIDENTE RUSSO MEDVEDEV - [FILMATO COMPLETO 09.12.12] 


(2) Non riproduco il passo dell’articolo su citato, come farò dei riferimenti a detto articolo solo indicando la pagina ma mai suoi passi, perché, a p. 49 dell’articolo stesso, si dice che qualunque passo riportato dall’articolo dovrà, per poter essere riprodotto, aver inserito la dicitura “Copyright Dr. M. Martinelli – Reprinted with permission”. Personalmente son contrario a queste cose, e mi attengo invece alla legge italiana, la quale consente, se non ricordo male, di riprodurre fino al 15% di un testo, ovviamente chiarendone sia chi sia l’autore, che l’edizione e la/e pagina/e di riferimento. 



(3) Si tratta di questo documentario, in russo, con sottotitoli in inglese: 
Men In Black Russian Documentary With English Subtitles
Ora quest’altro documentario pure ha qualche grano d’interesse: 



(4) Dalle Edizioni Mediterranee, per la precisione.



(5) Sul conte Witte (1849-1915) cfr. quest’interessante libro: A. Butterworth, Il mondo che non fu mai. Una storia vera di sognatori, cospiratori, anarchici e agenti segreti, Einaudi, Torino 2011. 



(6) La ricorrenza della terminazione in -1 è interessante: 1991 il discorso di Bush padre, 2001 i noti fatti dell’11 Settembre, 2011 il cambiamento del sistema economico mondiale, avvenuto ormai. Cfr. il discorso di Bush padre:
Bush Sr. New World Order Speech (rare)
Il testo: “We have before us the opportunity to forge for ourselves and for future generations a new world order, a world where the rule of law, not the law of the jungle, governs the conduct of nations. When we are successful, and we will be, we have a real chance at this new world order, an order in which a credible United Nations can use its peacekeeping role to fulfill the promise and vision of the U.N.’s founders.




(7) J. G. Bennett, Gurdjieff. Un nuovo mondo, Ubaldini, Roma 1981, p. 82.




(8) A. A. Ianniello – F. Franci, Evola dadaista. Dadà non significa nulla, Giuseppe Vozza editore, Casolla 2011.




domenica 13 ottobre 2013

“Templari e Cristianesimo. Una breve nota”



Templari e Cristianesimo. Una breve nota”

Oggi, 13 ottobre, quando terminò l’Ordine dei Templari. Qualche breve nota. Come prima cosa, l’Ordine era destinato a cattiva fine. La ragione sta in questo: che era un potere transnazionale e persino trans-religioso, se si può dire così. Né la Chiesa, che iniziava un suo processo di modernizzazione, né il Re di Francia – le nazioni che allora erano in ascesa – e nemmeno l’Impero, che però fu l’organizzazione per certi versi meno nemica dell’Ordine, avrebbero mai potuto tollerare un Ordine che era una potenza del tutto sciolta da qualsiasi altra autorità superiore, tranne il Papa.

Clemente V, com’è stato recentemente dimostrato, non credeva nella colpevolezza dei Templari, credeva, com’è possibile, che solo un ristretto “cerchio interno” aveva – dal suo punto di vista – tralignato e che, conseguentemente, sarebbe stato ingiusto accusare l’intero Ordine. E tuttavia non intervenne, si limitò a sospender l’Ordine, ben sapendo che la monarchia francese avrebbe attaccato e distrutto l’indipendenza dei Templari. Non lo fece perché i Templari erano ingombranti, erano un potere indipendente, de facto.

Altra questione: solo un ristrettocerchio interno” sapeva di quella deviazione-allontanamento che si esprimeva con lo “sputare” (vero o presunto che sia, si esprimeva in realtà l’allontanamento dal Cristianesimo) su di un’icona del Cristo – quindi, al succo, l’accusa di fondo era quella di eresia. L’accusa di omosessualità, che non poteva non aggiungersi come marchio infamante, poteva avere degli appoggi reali o non, e non voglio qui mettermi a parlare della questione dell’omosessualità nella Chiesa (i Templari, è sempre bene precisarlo, erano monaci-guerrieri ed erano dunque parte della Chiesa a tutti gli effetti, ma in una posizione del tutto unica e particolare); quel che voglio dire è che, data l’accusa di eresia, quella di omosessualità non poteva non aggiungersi per accrescere l’infamia delle accuse stesse, che ci fossero stati o non degli effettivi episodi.

Se, dunque, solo il cerchio interno templare aveva questa “deviazione”, in che direzione si può pensare oggi che fosse diretta? Verso una “rinnovamento” del Cristianesimo?
Non lo credo affatto. Il cerchio interno era cripto-islamico. Ma non nella direzione dell’Islamismo ortodosso, bensì, a causa delle loro relazioni con l’Ismailismo riformato di ‘Alamût, erano “cripto-islamici” nella direzione eterodossa, dunque. l’Ismailismo riformato di ‘Alamût conquistò, dall’Iran di provenienza, la Siria dell’epoca, ed ecco il famoso “Veglio della Montagna” - “al-Shaykh al-Jabal” -, di qui la relazione che i Templari ebbero con i capi di quel movimento politico-religioso. Ora, nei gradi più alti del sistema iniziatico degli Ismailiti riformati di ‘Alamût si arrivava al punto di prendere le distanze dalla forma religiosa di appartenenza, ed ecco lo sputo” che si sarebbe dato sull’icona di Cristo, ed ecco il famoso – e “mysterioso” - cosiddetto “idolo” che i Templari avrebbero adorato: il Baphomet. Secondo taluni scrittori medioevali, tale “Baphomet” non sarebbe stato altro che il “Machomet”, Maometto. l’idea di fondo – il cripto-islamismo, ma eterodosso – non è sbagliata affatto, come spesso capita di leggere nelle fonti antiche. Solo che, se le influenze islamiche furono quelle ismailite “riformate” (cioè una eterodossia di una eterodossia...) - non era Maometto, bensì l’ Imâm.
In ogni caso, se così è, essi non furono “eretici” in senso comune della parola. Probabilmente cercavano una – impossibile - “sintesi” fra degli aspetti dell’Islamismo e degli aspetti del Cristianesimo, cosa che si può ottenere solo fuori dalle rispettive ortodossie. Ripeto, però, che non possiamo considerarli degli “eretici”, cioè chi accetta – di una ortodossia – solo certi aspetti e non tutti gli altri.

Si può solo immaginare quale sarebbe stato il decorso della civiltà mondiale se ai Templari fosse stato lasciato altro tempo per sviluppare il loro “sogno ‘eretico’ impossibile”. Quel che si può dire, dal punto di vista storico, è che, se questa fu davvero la loro “direzione ed intenzione” di sviluppo, si comportarono con una certa inavvedutezza. Vero che certe cose erano riservate solo al cerchio interno templare, nessun dubbio al riguardo, sta di fatto che fecero del proselitismo, con attenzione senza dubbio, ma fecero troppo proselitismo. dall’altro, non compresero che, se davvero quella era la loro intenzione, non potevano diventare troppo potenti, come invece fecero: furono loro ad inventare l’ossatura del sistema bancario europeo, l’assegno ed il traveller’s cheque. Infatti, fu proprio quest’eccessiva potenza mondana a costituire la loro debolezza, il loro tallone d’Achille. Non lo compresero, secondo loro l’accumulo di forza materiale sarebbe stata una difesa, ma invece così non fu, e furono mal accorti nella predicazione, troppo aperti. E furono troppo aperti nel proselitismo proprio perché si reputavano difesi dalla loro potenza.

Veniamo a Federico II. Anche lui fu accusato di vicinanza al mondo islamico, ma la sua vicinanza non fu mai religiosa, bensì culturale. Fu vicino ad Avicenna, senza dubbio, alla scienza islamica, anche quella che oggi si direbbe “occulta”. Ricordiamoci che le scienze dette oggi “occulte” all’epoca erano scienze controverse ma non considerate false. Si distingueva, di solito, fra due tipi di magia: la “magia naturalis” e la “necromantia”, quest’ultima la magia “evocativa”, il “commercium cum daemonibus” del quale, anche, furono accusati i Templari. A Federico II interessava la “magia naturalis”, non quella “evocativa”, va precisato questo. Quindi, la relazione, indubbia e forte di Federico II col mondo islamico ha una natura differente.

Nel Regno di Federico II, va ricordato, il Cattolicesimo era religione di Stato, ma c’era senza dubbio molta tolleranza verso altre religioni. Per sintetizzare, Federico II, diversamente quindi dai Templari, che seguivano un progetto particolare e senza dubbio “elitario”, voleva invece che islamici e cristiani convivessero pacificamente, ma ognuno rimanendo se stesso.


Un interessante documentario, sul “Regno di Satana”




Segnalazione: Julian Assange, “Internet è il nemico”

Si segnala: J. Assange, Internet è il nemico. Conversazione con J. Appelbaum, A. Müller-Maguhn, J. Zimmermann, Feltrinelli, Milano 2013 (edizione or. Ottobre 2012). 

Rispetto all’abituale esaltazione di Internet, questo libro è molto utile sia per comprendere le tendenze degli ultimi dieci anni, sia per fare il punto della situazione, sia per riflettere sui possibili effetti futuri. 

Una cosa non condivido: secondo loro, ed hanno ragione quando dicono che spesso il problema sta nell’architettura d’Internet - cioè com’è costruita -, ma non condivido che la via d’uscita sarebbe quella di rendere sempre più criptata la Rete. 

Io penso, invece, che sarebbe buono rompere le crittature oggi in atto sulla Rete, così da scoprire il cosiddetto re, che sarebbe nudo. 

Due frasi efficaci dal libro. 


Ehi, fa sempre più scuro prima che sia buio pesto” (ibid., p. 43, grassetto mio).



Puoi fare brutte cose e ricavarci soldi, e fare belle cose senza ottenere un centesimo” (p. 107, corsivo mio). 

In altre parole, dobbiamo passare - per citare un film con R. Redford (del 1992), “Sneakers” in ingl., “I signori della truffa” in it. - dal “Too many secrets” (Troppi segreti) al “No More Secrets” (Non più segreti).
Nel film si parlava della scoperta non di
un decodificatore, ma invece del decodificatore universale.
Questa sarebbe, a mio avviso, la via. La via politica anche da parte di Assange e dei suoi conversatori, citati qui su, è troppo aleatoria e, soprattutto, troppo lenta.
Lo sviluppo delle tecnologie per l’intercettazione è ben maggiore dello sviluppo demografico, quindi oggi con circa 10 milioni di dollari puoi controllare massivamente tutte le conversazioni di una media nazione.
Si consideri che un aereo da combattimento va dai 90 ai 150 e più milioni di dollari... 


“I signori della truffa Phil Alden Robinson 1992” 

“The Sneakers - Too Many Secrets” - 

“Sneakers (4/9) Movie CLIP - No More Secrets (1992) HD” 

“Sneakers (5/9) Movie CLIP - Changing the World (1992) HD” 

Intanto le cose van così... “Listening - In ascolto” -
Quest’ultimo link dice che la Nsa origini dall’organizzazione segreta La camera nera ...

Intanto, da un altro lato, le cose paiono ripetersi, come sembra attuale ma è di qualche annetto fa ... “Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più! (Quinto Potere - Sidney Lumet)” - Non proprio novità, non è vero??



lunedì 7 ottobre 2013

“CACCIARI ALLA CATTEDRALE DI CASERTA”



CACCIARI ALLA CATTEDRALE DI CASERTA”


Non siate sicuri che il grande disordine non possa
ritornare in Cina”.
(M. Sotgiu, La coda del drago. Vita di Deng
Xiaoping, Baldini&Castoldi 1994, p. 101)

Segni connotati in senso escatologico percorrono
anche l’intero regno di Giustiniano”.
(Da. M. Meier, Giustiniano, il Mulino –
Universale Paperback, 2007, p. 25)

L’essere vissuta in un mondo in disfacimento 
mi aveva fatto capire l’importanza del Princeps” 
(Marguerite Yourcenar, Taccuini di Appunti, in: 
Memorie di Adriano, Einaudi, Torino 1988, p. 286).  



Il 4 ottobre, festa di San Francesco, si è svolta la “lectio magistralis” di M. Cacciari nella cattedrale di Caserta, inizio dell’anno accademico del locale Istituto di Scienze Religiose, con la presentazione di don Nicola Lombardi, rettore dell’Istituto, del vescovo di Aversa, Msgr. Spinillo, che ha svolto l’introduzione all’incontro, e la conclusione, “a braccio”, svolta dal vescovo emerito di Caserta, Msgr. Raffaele Nogaro. Il momento non poteva essere più significativo, sia per la ricorrenza, S. Francesco protettore d’Italia, sia per i noti eventi del giorno prima. Dopo il minuto di silenzio per i fatti del giorno prima, Spinillo inizia nella sua breve introduzione, dove sostanzialmente sostiene la visione “classica” ecclesiale del tema, per cui il “tempo apocalittico” - che è il tema della conferenza di Cacciari – è in ogni momento tale, è ogni tempo della vita e della Chiesa, così come è il tempo di ogni vera ricerca della verità, ovvero ciò che cerca il filosofo. Il tempo apocalittico è il “tempo forte”, delle scelte, e dell’incontro con Cristo, concetto ribadito dallo stesso Nogaro al termine dell’incontro, dove Nogaro si è anche spinto su considerazioni su temi spinosi come il dolore nella storia e la potenza della preghiera, come la relazione con Dio e la visione finale che prende la forma della “morte”, ovvero l’incontro “definitivo”, la nostra “piccola apocalisse”, il nostro disvelamento finale personale.
Cacciari si ritrova sostanzialmente nella visione classica del “tempo apocalittico”, espressa da Spinillo, ma v’introduce delle sfumature ed una visione “laica”. Lo “snodo” cruciale della visione di Cacciari è la differenza e la consonanza fra le “apocalissi giudaiche” e quelle “cristiane”: si tratta di un “genere letterario”, quello apocalittico, caratteristico di una certa epoca, e che va calato – per il “sitz im leben” - nella sua epoca: la crisi del giudaismo dei secoli immediatamente precedenti e seguenti a Gesù; dunque vi è contenuta anche la tematica del messianismo, dove le due diverse visioni apocalittiche, quella giudaica e quella cristiana, inevitabilmente divergeranno, pur partendo da una base comune, da un “sentire” profondamente consonante. La consonanza sta nella visione del mondo, nella centralità della “anomìa” ed “apoleìa1, la dissoluzione e la devastazione, l’esplosione delle contraddizioni del mondo sociale, termini che pure hanno un ruolo certamente ben reale, secondo Cacciari, tuttavia parziale. Quel che è l’essenza è la visione del divenire storico: questo è il punto decisivo. Nella visione apocalittica vi son due punti caratterizzanti, sia per quella giudaica, sia per quella cristiana: 1) vi è un fine nella storia, un “tèlos”, e questo era qualcosa di lontano dalla mentalità cosiddetta “pagana”, diciamo “ellena”, dei primi secoli prima e dopo Cristo; 2) la storia, ma proprio tutta la storia, non è altro che l’esprimersi del demoniaco nell’uomo, è tutta un “peggior andare”, con la differenza che, sin “dal principio”, vi è una “dimora” per i “giusti”, nonostante il male dominante, sconquassante la Terra tutta. Dunque, dice Cacciari, questo pessimismo di fondo di ribalta in un ottimismo di base. Direbbe Tolkien, che trattasi di una “eucatastrofe”, un rivolgimento improvviso sì, ma positivo. Ed allora, ciò che conta non è più “quando” avviene la “catastrofe buona”, l’irruzione immediata del Divino nella storia, fatto che pone termine alla storia stessa (si ponga bene a mente questo fatto), ma il fatto che “l’Ora” - di cui si dice, con accenti assai diversi, sia nel Vangelo di Giovanni che nell’ Apocalisse di Giovanni – è in ogni ora. In pratica, la vera “apocalisse” è questo rivolgimento interiore che fa sì che tutta la vita la si veda nell’approssimarsi “all’Ora” ultima, al fine “ultimo” - “tòn èschaton” – della storia, che è, nel Cristianesimo, il Cristo, la Parusia.
Rimane da dire che questo rivolgimento interiore come può divenire un fatto sociale, collettivo, senza una tensione verso il “fine ultimo”? E come questo può questo avvenire senza che ci si chieda il “quando”? Dovremmo gettare secoli di tradizione alle ortiche, assurdo. Pur considerando non “gesuano” (cioè non detto direttamente da Gesù ma, quindi, già opera della tradizione2) il passo del “discorso apocalittico” di Mt 24 (e passi simili della tradizione sinottica), perché, secondo Cacciari, la stessa questione del “quando” non interessava Gesù, Cacciari, pur asserendo questo, non considera uno scandalo il chiedersi il quando. Si tratta per lui di un qualcosa di “accessorio” sì, ma non illegittimo: il che è un “unicum”, come posizione, in ambito “laico”, almeno a mia conoscenza. In ambito “laico” prevale il disinnesco di questo tema, per mezzo della sua condanna senz’appello con metodi altamente “razionali”: chi si chiede il “quando” è uno stolto (se questo è “razionale”...). Per Cacciari, al contrario, la cosa è legittima, ma è accessoria rispetto al nucleo fondamentale della concezione apocalittica, che è l’essere “prossimo”, “l’approssimarsi” al vivere ogni ora come fosse “l’Ora”. Solo questo disinnesca la contraddizione della visione apocalittica: “alla fine” ci sarà l’ “apokàlypsis”, che significa non disastro, ma “dis-velamento”: e ci sarà rivelato il fine ultimo. Ma se è Cristo questo fine, noi non lo conosciamo già? Come la mettiamo? Solo l’attenzione all’Ora, la centralità dell’Ora, secondo Cacciari, riesce a disinnescare la contraddizione e tenere assieme l’ Apocalisse di Giovanni con il “discorso apocalittico” di Matteo 24, che si chiede il quando.
Se questa è la visione apocalittica, la differenza tra l’apocalittica giudaica e quella cristiana si opera su di un punto decisivo: s’è già detto del legame forte tra l’apocalittica giudaica e la figura del Messia. Nelle apocalissi giudaiche il Messia deve ancora venire, egli non sarà il “disvelamento finale”, ma sarà il suo annuncio, mentre nel Cristianesimo il Messia è già venuto. Era semplicemente inevitabile che questo imponesse una riconsiderazione, anche, se non soprattutto, in ambito apocalittico.
Nota a margine, rispetto a ciò che dice Cacciari. Se la storia è un male, allora la storia della Chiesa? Cosa pensarne? Risulta chiaro ed evidente il potenziale sommovimento che l’ Apocalisse di Giovanni, ma tutto il genere apocalittico, ha per le autorità costituite, anche, per non dire soprattutto, per quelle religiose. Così, non è un caso che gli unici due libri apocalittici canonici, il Libro di Daniele – Antico Testamento – e l’ Apocalisse di Giovanni – Nuovo Testamento – siano stati quelli che con più difficoltà sono entrati nel Canone, non senza lunghe, complicate discussioni, vincendo fortissime resistenze all’interno della Chiesa cristiana e del Giudaismo, per Daniele.
Riprendiamo il discorso di Cacciari. Lui dice che – per la mediazione di Gioacchino da Fiore – tutta la teologia politica moderna (ed il suo ultimo libro, presentato nel corso della “lectio”, è di teologia politica in effetti) condivide con la visione apocalittica l’idea di “tèlos”, il “fine ultimo” della storia, ma ne è la secolarizzazione: si accoglie il fine ultimo ma lo si umanizza, non è più l’emersione del Divino nella storia, ma si mantiene comunque l’idea di un fine. Non più così oggi, dopo la fine delle grandi narrazioni ideologiche politiche moderne, oggi non vi è “progresso” ma solo un procedere, senza un fine ben preciso, e l’ansia del “quando” apocalittico, dice Cacciari, diventa la mania della previsione a breve, dai sondaggi ad ogni altra manifestazione di questa mania. Tutto ciò, paradossalmente, segna la nostra totale incapacità di decidere, il perenne “rimandare” che è la “cifra”, per nulla nascosta, caratteristica dei nostri tempi. Questo perché non vi è alcun fine, tutto è in un tempo dilatato, dove le date non hanno senso: non vi una fine al tempo radicalmente senza nessun fine. Su questo ha senza dubbio ragione. Eh beh, ma serve a ben poco lamentarsene: questi i tempi e le genti, cui non pareva felicità bastevole crogiolarsi nel loro “raggiunto stato” di supposta perfezione e compiacersi della fine di ogni fine politico. Poi, è venuto il pagamento, e qualcosa mi dice che non abbiamo ancora finito di pagare... Nulla in questi anni è stato più stucchevole, più immondamente superficiale di questa sicumera da pancia soddisfatta, e del compiacimento generalizzato dello pseudo-paradiso tecnologicamente realizzato.
Vi è un punto che Cacciari non tratta: facendo riferimento al Libro di Daniele, che poi è il riferimento del Giovanni dell’ Apocalisse, ed alle figure della “bestie”, il potere politico solo umano che è potenzialmente contro Dio – però tale potere demoniaco ha effettivamente successo nella storia (cosa che, nella visione apocalittica, conferma che la storia è, in se stessa, demoniaca: questa è la vera visione apocalittica) – si vede che il simbolismo è discendente. Dalla testa d’oro, che è Nabucodonosor, dunque Babilonia (ed è chiaro che il riferimento, nell’ Apocalisse di Giovanni, alla Grande Prostituta di Babilonia si rifà direttamente a Daniele) si giunge all’oggi, dove predomina un misto di ferro ed argilla: la massima forza e la massima fragilità presenti assieme, direi che una migliore metafora dello strapotere ed insieme della totale impotenza ed incapacità di decisione del nostro mondo “tecnologicamente” realizzato non la si poteva trovare.
In tutto ciò, vi è la tematica della teologia politica, che Cacciari tratta estesamente nel suo libro sul “katèchon”, ciò che trattiene, secondo l’Apostolo Paolo, l’Anticristo dal mostrarsi perché l’Anticristo è già presente, “sin dall’inizio”: sin dalla presenza del Cristo quest’ombra, nascosta, attraversa, secondo Paolo, tutta la storia umana in se stessa, e sono quelle “venature” di visione apocalittica che attraversano le Epistole paoline. Nella storia si sono sprecate le accuse di “anticristo” a destra e a manca, il Papa dice a Lutero di essere l’Anticristo, Lutero lo “gratifica” dello stesso aggettivo senza peli sulla lingua: ed era solo l’inizio dell’abuso di tale termine, applicato a qualsiasi dittatore o a “chi-non-mi-piace”. Ma se questo fosse tutto, la storia umana è già demoniaca di per sé, che bisogno, infatti, vi sarebbe dell’Anticristo allora? Domanda retorica. Vi è qualcosa d’altro, di qualitativamente diverso, in tutto questo tema.
Ecco, il sentire generale dei primi secoli del Cristianesimo sostiene che è l’Impero – romano – l’ostacolo (il famoso katèchon) al manifestarsi del potere, ora nascosto ancora, dell’Anticristo. Occorre dunque “acquistare” l’Impero – che è un “estratto distillato” del demoniaco della storia umana, con i suoi aruspici, il suo sacrificio all’ Imperator – per “giocarlo” sul palcoscenico della storia contro il demoniaco presente sin dall’inizio, sin dall’inizio, radicalmente, nella storia umana. Di questo Cacciari non sembra particolarmente consapevole nel suo ultimo libro: è indubbiamente una contraddizione che ha attraversato tutta la storia del Cristianesimo; tale contraddizione appare, in questi ultimi tempi, terminata nel senso che l’assenza di un fine, di prospettive – di questo, al contrario, Cacciari appare invece ben consapevole e v’insiste su – rende ogni potere “imperiale” semplicemente impossibile. In base a quale fine, infatti, fermare il caos? L’ultimo potere imperiale è stato la Russia sovietica, perché non si dà potere imperiale senza un fine superiore che si dice di voler realizzare, per falso che sia. L’ultimo “gran vecchio” della Cina è stato Deng Xiaoping, e quindi dopo nessun “impero”, solo tecnocrati: quando scomparve, taluno disse che con lui era sparito “l’ultimo imperatore”, non ci sarebbe stato più “uno”, alla fine, a decidere, ma dei gruppi; ecco la ragione della citazione iniziale. Quanto all’America, alle presidenze “imperiali” di Bush padre e di R. Reagan e, in parte, di Clinton, son successe quelle di Bush figlio e di Obama che, per vie diverse ed anche opposte, non sono per nulla “imperiali”, totalmente incapaci come sono di combattere il “piccolo caos” della storia.
Non vi è più alcun impero, oggi, nonostante quel che ne pensino taluni; forse vi è imperialismo, ma non più “imperium” nel senso di ciò che ferma il caos. Né si sente necessità di impero; se così fosse, questo sarebbe qualcosa di decisivo. Nessuno si opporrà più al grande caos, al grande disordine, e non certo solo in Cina, ma nel mondo, tutto. Decidere sarà sempre più difficile. Trattare i problemi sempre più esaurirà le energie, senza che alcuna vera soluzione sia trovata, ed elefanti partoriranno sempre topolini. “La novità passerà per miracolo”, avrebbe detto un cronista medioevale. Ma non lo sarà, aggiungeremmo noi, di questo tempo.
Di piccolo caos in piccolo caos, infine si arriverà al Grande Caos.
Trovo infine sottovalutato, da Cacciari, il tema della dissoluzione, che lui dice essere accessorio al tema apocalittico: non son d’accordo; come trovo sottovalutato quello del carattere profondamente, irrecuperabilmente maledetto, ed irreversibilmente discensivo della storia umana, tutta: ma questi son due anelli fondamentali ed irrinunciabili della visione apocalittica, che, per questo, non coincide con quella della “Ecclesia militans” e della “Ecclesia triumphans”. Di qui tutti i problemi che la storia ci ricorda riguardo alla concreta accettazione, da parte delle autorità costituite, sia religiose sia laiche, della visione apocalittica: non si può espellere questo “datum” dall’equazione generale.
Rimane che il nostro è il tempo del rimando definitivo, dove rimandare ad un domani che mai sorgerà è il tema di un oggi perenne: in questo “schiacciamento temporale”, è come se i circuiti cronologici della storia si fossero fusi. Ora, in questo schiacciamento temporale si deve vedere il profumo dell’Ora? Domanda complessa, dai molti risvolti e dalle tante conseguenze, domanda impossibile a rispondersi in due parole.
Ma rimane questo tema, pressante, del nostro presente e del nostro futuro prossimo: chi si opporrà al “Gran Caos” che cresce? Chi si opporrà all’impossibile decidere? E, soprattutto, come opporsi, se opporsi ha un senso ancora, se l’orizzonte-senza-nessun-orizzonte di un presente dilatato senza fine non debba essere l’unico orizzonte possibile? A me pare che Cacciari, nel suo libro, più suggerisca di vivere nelle tempeste artificialmente generate (alla “Truman Show”) tentando di salvare il salvabile, piuttosto che “cercare” di “opporsi” e quindi pensare a “come” opporsi. Tuttavia, tutta la tradizione apocalittica considera questo “opporsi” la sua essenza. Anche qui vi sarebbe da riflettere.
Anche qui vi son contraddizioni che attendono scioglimenti e soluzioni, che non siano dis-soluzioni.
La visione apocalittica, per non concludere, su temi che richiederebbero ben altri spazi e tempi, è una visione radicale, tremendamente radicale. E le chiese, le filosofie, gli stati, non han potuto se non tentare di disinnescarla, ma permane, sullo sfondo della storia, quando quest’ultima s’inceppa, a risvegliare gli animi dei tiepidi.



Note.
1 Precisamente significa “fallimento definitivo” e rovina finale. Ovviamente della storia.
2 Non sarebbe parte di ciò che si usa chiamare gli “ipsissima verba Jesu”, le parole pronunciate da Gesù, lui même.




Riferimenti.
Una passata discussione di Cacciari, con temi, a suo modo, analoghi: “Cacciari all’Auditorium della Provincia di Caserta” (2010)
Si tratta di uno scritto di tre anni fa, “au lendemain”, al limitare, ai confini, dell’estensione della Grande Crisi l’anno successivo (2011), in Italia. Interessante riandarci su col pensiero, alla luce di quest’ultimo intervento di Cacciari stesso. Che cos’è cambiato? Quali processi si sono acuiti? Temi davvero molto interessanti. 

Per quel che mi riguarda, l’autore di tale filmato (“Finis Gloriæ Mundi”), anche leggendo il link del 2010 su Cacciari (“Cacciari all’Auditorium della Provincia di Caserta” (2010)), mi chiese di collaborare e di cercare citazioni per il suo video, citazioni di Berdjaev (citato nel link su Cacciari del 2010) e di Bulgàkov, Il maestro e Margherita.
Forse un po’ troppo lungo, ma vi si dice: “Verrà un tempo della Verità e Giustizia” ….