giovedì 29 settembre 2016

Sulle **ciance** sull’ “identità”, sulle chiacchiere - dolce non casualmente carnevalesco, e siamo ancora “in un sinistro carnevale perpetuo” (Guénon) – dell’Europa che “sta morendo” (è già morta)




Condivido assolutamente che l’Europa stia morendo, un suicidio, dai molti padri - ma più di coloro che qualcuno ha denominato “intellettuali sadici e compiacenti” (che contano zero, poiché il sapere è stato gettato nelle acque del Mar Mediterraneo una volta per tutte, e non ha una vera rappresentanza sociale come **valore** condiviso) o degli imprenditori senza scrupoli, che ci son **sempre** stati, e dunque perché un tempo il loro potere era minore -, ma più di questi, è la gente che ha contato. Che ha fatto la differenza, che si è incagliata, che ha smesso “di riveder le stelle” né, molto semplicemente, vuol rivederle: non ci pensa proprio e questo dagli Anni Ottanta del secolo scorso, come minimo, se non da prima.
Eh no, le cose non accadono per caso. E no, non è un caso che il mondo vada in determinate direzioni piuttosto che in altre … Siamo dove siamo, la malattia si è cronicizzate  condannarla non la cura, e sì, si può finire di tale malattia, può essere letale, nessun dubbio al proposito.

No dunque, condannare “intellettuali” negligenti o imprenditori rapaci, pur avendo queste due categorie contribuito, e non poco, condannarli non basta: è proprio la gente, la maggioranza che si è esaurita. Le energie si sono esaurite, vi è stato un processo, complesso, dai molti indiziati e colpevoli al tempo stesso, che ci ha condotto qui.

Il richiamo all’identità, in una tale situazione, è ben lungi, è ben super lungi, dall’esser non dico efficace (ché ci vorrebbe ben di più per poterlo essere), ma solo **bastevole**, ma solo minimamente sufficiente.

Come si vede, se la “decadenza dell’Occidente” propinqua da molti decenni fa, il suo crollo si è verificato in questi tempi, ed è un fenomeno di **qualità** - qualità - profondamente ben diversissimo dalla decadenza.
Mi spiace molto dover esser così esplicito, ma sentire cose del genere nel 2016, a me sinceramente fa specie. Ci sarebbe da ridere, al pensiero che simili cose siano sostenute da colori i quali hanno attivamente contribuito a farci entrare nel vicolo senza uscite in cui si è, vi sarebbe da che farsi panze di risate al pensiero che simili proclami siano sostenuti da quelle stesse forze che sostenevano la via che non poteva che portarci qui, dove siamo. Purtroppo, par vi sia ben poco da ridere …

Se in altri tempi si poteva ancora portare avanti certi discorsi “identitari” e “rivendicazionismi”, nel 2016 tali stessi discorsi sono sfatti ed hanno al massimo un, sia pur legittimo, senso storico.

Infatti la situazione è ben peggiorata.

Si fossero fatti “certi” discorsi in altri tempi: e non saremmo dove ora siamo.

Ma il fatto – incontrovertibile - è che tali discorsi non son stati fatti quando sarebbe stato invece opportuno. Poi, le cose son andate innanzi, nella direzione sbagliata.

Al punto in cui siamo: la malattia si è cronicizzata.

E solo denunciarla non basta proprio più, ma proprio è super insufficiente. Denunciarla è come limitarsi ad enunciarla. Non sufficit. Ignis et Azoth tibi sufficiunt, ma quivi Non sufficit.
Finirà mai questo “sinistro carnevale perpetuo” (Guénon), che è andato ben oltre qualsiasi cosa Guénon stesso avrebbe mai potuto anche solo lontanamente immaginare ? ?
Che non sia una domanda retorica





P.S. Oggi è San Michele, ed il culto micaelico è stato il culto cosiddetto “nazionale” (etnico sarebbe più corretto) dei Longobardi, che l’han trasformato in instrumentum regni, in senso positivo, e cioè fattore di coesione delle varie strutture sociali proprie di quel popolo. 


Dalla Grotta di San Michele, in Olevano sul Tusciano (dove risiedette anche Hermann von Salza, Gran Maestro dell’Ordine Teutonico ed amico e consigliere di Federico II.
Questo particolare mostra direttamente San Michele Arcangelo, in una veramente splendida raffigurazione, nel mentre protegge tre monaci. Ai Longobardi si deve anche il passaggio della figura di San Michele da arcangelo in parte guerriero e in parte guaritore ad arcangelo soprattutto guerriero e che scaccia il male. 


 




Nessun commento:

Posta un commento