giovedì 1 settembre 2016

Una vecchia Copertina dedicata a Federico II, più qualche altro spunto su temi “storici”



Fonte: Federico II e l’Italia, Edizioni De Luca - Editalia, Roma 1995, copertina. 



Come prima osservazione, si può partire da quel che G. Masson, in una vecchia biografia su Federico II, così concludeva, nell’Epilogo: “Federico di Svevia Hohenstaufen morì apparentemente sconfitto e annientato dalle potenze del suo tempo. Con lui sembrò scomparire anche tutto ciò che aveva voluto creare: soltanto pochi castelli sparsi sulle solitarie [un tempo, nota mia] colline pugliesi, alcune statue della porta di Capua [ne rimane qualcosa] e il manoscritto del suo libro di falconeria restavano a testimoniare della grandezza del suo ideale incompiuto[1].

Dopo questo passo, appena citato, l’autrice rovina le sue giuste osservazioni – dove la Masson, commette il grosso errore dell’anacronismo, attribuendo a Federico II lo stato moderno: questo è un errore molto, troppo diffuso.

E tuttavia, pure puntualizza un punto decisivo, nelle sue frasi successive: “L’ultimo dei grandi imperatori non è morto, ciò per cui è vissuto è giunto fino a noi, per cui dell’altisonante susseguirsi dei suoi titoli [...] potremmo aggiungere: Imperatore Immortale”[2]. Quel che è vero è l’unità, una debole, ma continua unità: il Meridione è, in effetti, un’unità …




[1]  G. Masson, Federico II di Svevia, Rusconi Libri, Milano 1978, pp. 433-434, corsivi miei.
[2]  Id., p. 434, corsivi miei. 


Ivi, Copertina. 





 



 Fonte: Leonardo da Vinci, Pianta di Imola, in Strenna UTET 1963, tavola tra le pp. 64 e 65

 Lutero come “Junker Georg”, immagine tratta da:
E. G. Rupp, Lutero e la Riforma in Germania, fino al 1529, in Storia del mondo moderno, Cambridge University Press - Garzanti Editore, Milano 1967, p. 102.


Quando nasce il nazionalismo tedesco? Con Lutero, Alla nobiltà cristiana di **nazione** tedesca (An den christlichen Adel deutscher Nation, 1520).
Mai nel Medioevo il nazionalismo era stato tanto esplicitamente evocato, esisteva implicitamente, ma non esplicitamente.
Si noti come Lutero usi il termine unicamente germanico per “nobile”: Adel.

Or dunque, quando nasce il mondo moderno? Con Lutero; l’avrò ripetuto una sessantina di volte, contro le teorie oggi dominanti. La modernità è nata **dalla religione** e solo dalla religione potrà essere abbattuta.
Per quanto decada, per quanto “post”, siamo ancora nell’ “Autunno del moderno”.
Non abbiamo davvero superato la modernità, nonostante gli sforzi di taluni autori, come De Benoist[1]



[1]  A tal proposito, cfr. A. de Benoist, Oltre il Moderno. Sguardi sul terzo millennio, Arianna Editrice, Casalecchio (BO) 2005 (II Edizione, la prima era del 2003), libro che, pur interessante sotto vari aspetti, fallisce nell’andar realmenteOltre” il Moderno, oltre la “nozione” (Der Begriff) di “modernità” tout court (“Der Begriff” come Der Begriff der Politik di C. Schmitt (Lacategoriadel politico) “categoria” che, per Schmitt, si sostanziava nell’opposizione amico/nemico, e così anche “il” Moderno “in sé” si aggrega intorno ad un’opposizione “sviluppo”/“tradizione”, opposizione che non esiste più oggi nei termini detti “moderni, appunto).  


__________________________________________________________________________________


 
Una serie di link su temi “storici” (anche con immagini), presenti su questo blog, Reminders

Due immagini da L. Austine Waddell, “Lhasa and Its Mysteries”, Cosmo Publications, New Delhi (1996, reprint) 

M. Marra sull’alchimia, Murro su Federico II; al convegno “Le Connessioni Inattese” (2007) 

Ah ah ah, ride bene chi ride ultimo... Guénon e l’ “immigrazione” 

“René Guénon”, articolo del 2007, da una vecchia community 

“Nuovo Medioevo”?? Tutt’altro che nuovo... 

Frasi di M. Weber, Wikiquote link 


________________________________________________________________


Una “Curiosità” ... 


Da: P. Scaolo, Contra Canes. Manifesto di liberazione dallo strapotere e dall’intolleranza dei cinofili, Scipioni, Valentano (VT) 2003, Copertina.

[Integrazione dell’originale. “Perché la Luce Astrale è duale. Come uno scintillante serpente, i livelli inferiori della luce volgono le loro spire attorno alla terra; ispirano la malvagità terrena, contaminano i suoi abitanti e procedono in un circolo vizioso con il perverso potere che scaturisce come risposta ai loro stimoli. E’ questo il drago terrestre [come Tiamat, uccisa da Marduk, nota mia], ‘terreno, sensuale e maligno’, e nei suoi regni si trovano i tenebrosi aborti della mente umana e umano-animale. Sono qui le matrici del tempo d’evoluzione, i modelli abbandonati dei primi giorni, ‘i demoni dell’Abisso, dal volto di cane’. Qui, inoltre, come canali per le influenze dei Signori della Forza Squilibrata, sono le idee-simulacro astrali degli ‘dèi’ della morte e della distruzione, della lussuria e della sfrenatezza; gli dèi tribali e i feticci delle tribù primitive; e qui sono anche i poteri delle tenebre alla cui immagine l’uomo ignorante ha foggiato i suoi dèi. Così la razza umana popola le sue ‘correnti nello spazio’, e i suoi pensieri e le sue emozioni, fondendosi con le forze semi-intelligenti dell’astrale inferiore, assumono una loro propria vita semi-indipendente. Ma vi è anche il Drago Celeste, l’Astrale superiore” (W. E. Butler, Il Mago. Esercizi e pratiche magiche, Hermes Edizioni, Roma 1993, p. 60, corsivi miei). Nella “cinomania” contemporanea si sa, dunque, che cosa vedere: l’influsso potente di “certe” forze … ]

 



****
***
**
*


E. Horst, Federico II di Svevia, Rizzoli Editore, Milano 1981, Copertina.









 













2 commenti:

  1. Sulla questione del cambiamento dalla modernità, che solo e soltanto dalla “religione” può partire, rimando al detto di F. Altheim, riportato in questo link: http://associazione-federicoii.blogspot.it/2015/01/tre-passi-interessanti-federico-ii-f.html.

    Si tratta della vecchia edizione dello scritto, ve n’è una nuova edizione, con la traduzione di E. Albrile, ripubblicato dalle Mediterranee nel 2007, con Introduzione di G. Casadio e Appendice di L. Albanese.
    Ma il passo riportato nel post appena qui su detto, è, in quest’ultima traduzione, **assolutamente** identico.

    Il significato del passo di Altheim, dunque, non cambia.




    RispondiElimina
  2. Correggo il link qui sopra detto, nel Commento immediatamente qui sopra, il link dove si riporta la frase di Altheim cui si è fatto riferimento; il link corretto è:
    http://associazione-federicoii.blogspot.it/2015/01/tre-passi-interessanti-federico-ii-f.html.



    RispondiElimina