mercoledì 9 novembre 2016

Il “bignamino” della storia




 
Il “bignami” della storia recita: quando le classi medie sono impoverite vanno a destra, mai a sinistra. E’ storia. Se capita che vadano a sinistra è solo perché ci sono dei forti partiti che sanno indirizzare il malcontento delle classi medie. Nel caso di Trump, però, l’America profonda (quella del finale del film “Easy Rider”[1]) sta con lui di per sé, con l’aggiunta di parti di elettorato che non stavano, però, con le destre repubblicane[2].
La “sinistra” stessa non esiste più, la sua è una sconfitta storica ed irreversibile. La differenza destra sinistra è sì sparita, ma a tutto vantaggio delle destre. Oggi vi è il centro e la destra moderata, da un lato, e dall’altro le destre isolazioniste e nazionalistiche. Le sinistre non esistono, al massimo sono una variante del centro e della destra moderata. E giustamente le sinistre non esistono più, poiché han fallito nel kulturkampf prima di fallire politicamente ed elettoralmente[3].
Al centro vi sono il mercato, l’individuo, la meritocrazia ecc. ecc. Poi in America la libertà dell’individuo si misura dal fatto che possa comprare armi senza restrizioni: ecco una manifestazione che in Europa non si accetta, ma non è che Europa ed America siano diverse culturalmente in ordine alla centralità di mercato, individuo e meritocrazia.
E quest’egemonia è dominante da più di vent’anni, da quarant’anni direi, alla faccia di chi ancor oggi nell’italietta parla di egemonia culturale della sinistra, che sta solo in alcuni cervelli rimasti bloccati agli anni Settanta, in una situazione diversissima da quella odierna, diversissima proprio dal punto di vista culturale in primis. E la cura di queste cose non è l’ “onestà”, infatti la critica “morale” non funziona, come dimostra per l’ennesima volta - ma certa gente non impara mai – proprio il caso di Trump, dove la Clinton ha fatto tutta la sua campagna sui problemi “morali” del candidato Trump ed ha perso.
La critica vera la fai cambiando le idee, fai un kulturkampf prima. Dopo e solo dopo verrà un’eventuale applicazione politica. Ora però, non ti puoi certo limitare a riproporre la retorica dell’ “uguaglianza” che era il vecchio cavallo di battaglia della sinistra – quando esisteva effettivamente – perché hanno ucciso proprio il cavallo, e se lo son pure mangiato. Hai bisogno d’idee nuove. E qui si vede il vuoto spinto. Soprattutto nei residuati dell’ex sinistra.
Non vi è nulla, nulla più. Nulla è rimasto e vivono alla giornata senza prospettive di alcun tipo proprio. Puoi anche riciclare alcuni temi cari alla sinistra, quando essa esisteva, ma con dei cambiamenti radicali.
Nulla di tutto questo.
Per questo, non c’è né può esserci “sinistra”, e d’alcun genere, nella situazione attuale salvo chiamar così politiche di centro oppure di destra moderata di una volta.
E ci si ricordi, una buona volta e per sempre, che Hitler è stato eletto democraticamente ovvero legalmente, mentre la Rivoluzione d’ottobre fu un colpo di mano con, sì, l’appoggio della classe operaia di San Pietroburgo, ma con il consenso solo dei “soviet” di “base”, se avessimo fatto le elezioni per decider se fare o non la rivoluzione – ci si consenta quivi questo paradosso “per amor di discussione” – certamente l’idea di “fare la rivoluzione” sarebbe stata sonoramente bocciata. Sì, questa è una previsione, altrettanto – se non più – facile di quella che sosteneva l’alta probabilità che Trump vincesse le elezioni[4].
Dal punto di vista economico, come sempre, i soliti complott®isti han “toppato”, e Trump è un arrocco, fatto per difendere il dollaro, come si è visto subito. L’unica sarebbe che Trump davvero voglia applicare il suo programma isolazionista e protezionista, allora sì, come se lui, alleandosi con la Russia in senso anti cinese (speculare all’alleanza di Nixon con la Cina in funzione anti russa), davvero s’inimichi la Cina. Ma tutto questo è da vedersi da gennaio dell’anno prossimo. E non è affatto scontato che sarà così.
In una parola, per tornare al tema d’origine di questo post, è il patto socialdemocratico di dopo la Seconda Guerra Mondiale che è – da tempo – saltato e non è che basti solo il mero tentare di ripresentarlo, cui si riduce – tutto sommato – l’effetto del più tenace duro spietato sforzo di pensiero dei residuati della sinistra storica[5].



P.S.
Ed han scelto Trump, alla fine, ecco la cosa che i famosi e fumosi complott(r)istissimi non riescono mai, ma proprio mai, a comprendere che possono ora appoggiare Tizio e domani Caio, senza *****nessun***** problema, non lo potranno mia accettare perché credono che chi manipola abbia le loro convinzioni o sia contro le loro convinzioni: aprano le orecchie, NON HANNO convinzioni, difficile a capirsi eh?? Intanto, la natura profondamente infida dell’individuo è chiara.
Va detto che la gran parte degli astrologi ha visto giusto. La differenza sta in questo, che alcuni considerano Trump uno che le “spara grosse” per farsi eleggere, poi non sarà così male; altri astrologi dicono che è pericoloso, altri ancora che è molto pericoloso. 

Andrea A. Ianniello




[1]  E quella è l’America vera, profonda,  non N. Y. City, che è a parte, in America. E questo volto dell’America personalmente l’ho sempre temuto e ne diffido per principio e sempre.  Naturalmente, “la natura umana è triste”, sentenziava Machiavelli, nel senso antico del termine “triste”, che non vuol dire sentirsi deluso ma d’indole poco positiva. 


Per altro verso, ricorderei “California Poker” (https://it.wikipedia.org/wiki/California_Poker) come illustrazione di quell’America meno legata a questi “miti fondanti della nazione americana” per quella relazione fra gioco e deserto del senso, tipicamente americana (cfr. J. Baudrillard, L’America, Feltrinelli editore, Milano 1988, p. 102) e che tutto il mondo in realtà invidia: “Miracolo italiano: quello della scena. Miracolo americano: quello dell’osceno. La lussuria del senso contro i deserti della banalità” (ivi, p. 13). L’appena citato libro di Baudrillard è un “dialogo”, a volte critico, con Tocqueville e il suo classico dell’analisi politica (La democrazia in America), che talvolta si scioglie in osservazioni illuminanti, come quella che l’America nasce moderna e che l’Europa, nello scimmiottarla, non va da nessuna parte – nel che si vede già in nuce la crisi attuale -, oppure nell’osservazione decisiva secondo cui in America si passa dal XVIII secolo al XX, senza passare per la “coscienza infelice” delle grandi ideologie ottocentesche ormai stra finite (cfr. ivi, pp. 74-75). Scritto nell’epoca di Reagan – alla cui elezione è stata paragonata quella recentissima di Trump (ma vi son differenze sistemiche rilevanti, pur se l’osservazione è vera, occorre Make America great again) – l’autore si chiedeva se la potenza americana stesse finendo, e si rispondeva che non era la fine della potenza ma la sua iper realizzazione, pur facendo delle osservazioni apparentemente paradossali ma in realtà preveggenti. Il libro termina come inizia, nel deserto: “I tramonti son arcobaleni giganteschi che durano un’ora. Le stagioni, qui, non hanno più senso: al mattino, è primavera; a mezzogiorno, estate, e le notti del deserto sono fredde senza che sia mai inverno. E’ una sorta d’eternità sospesa, dove l’anno inizia ogni giorno. Con la certezza che sarà sempre così, che ogni sera vi sarà quest’arcobaleno di tutti i colori dello spettro in cui la luce, dopa aver regnato per tutto il giorno nella sua forma indivisibile, si ricompone, prima di dissolversi, in tutte le sfumature che la costituiscono. […] Incanto inviolabile del clima […]. Paese senza speranza” (ivi, p. 97, corsivi miei). Ecco, a me queste parole han ricordato istintivamente il film – ed il libro da cui è tratto – “Non è un paese per vecchi” (https://it.wikiquote.org/wiki/Non_%C3%A8_un_paese_per_vecchi).
Please, Revolution!” (ivi, p. 98). Ci spiace deluderla: controrivoluzioni come risposta a blande, blandissime riforme ma rivoluzioni … via! Non scherziamo! Perso il mito della rivoluzione – come lo stesso Baudrillard aveva spiegato benissimo altrove nella prima metà degli anni Ottanta!! – la “sinistra” che si limiti a cercare la “buona amministrazione” del sistema non ha più alcun senso, e così è stato …

[2]  E quella è l’America vera, profonda,  non N. Y. City, che è a parte, in America. Chi non capisce questo, studi – per davvero, non si limiti a leggiucchiare qua e là com’è costume oggi - A. de Tocqueville, La democrazia in America, Cappelli 1957. In tal libro si parla pure della Russia, per cui chi l’ha letto non è affatto stupito dal “putinismo” e dalle vicende recenti russe. A tal proposito, spiace per Kasparov (cfr. http://www.nytimes.com/2015/11/08/books/review/winter-is-coming-by-garry-kasparov.html): osservazioni spesso giustissime, purtroppo condite dalla retorica della “libertà” e del “mondo libero” che non può che nascere da quelle profonde illusioni che tanti, nei paesi dell’ex blocco sovietico, hanno tanto inutilmente coltivato, con i risultati che abbiamo sotto gli occhi. 

[3]  Come si può leggere qui: http://ideeinoltre.blogspot.it/2014/05/andrea-ianniello-baudrillard-la.html, si osservi la data dei libri citati nel post. Sono cose non note, bensì arcinote.


Da sottolineare come – leggendo il libro citato in questo post appena ricordato – vi siano frasi incredibilmente preveggenti ed attuali, ed è un libro di ben trent’anni fa!! In trent’anni, si è continuato per questa via e l’attuale elezione americana non è altro se non un “arrocco”, in tal senso il contrario e l’ opposto della cosiddetta “Brexit” (fa fede la reazione sulle rispettive valute). Certo, a volte gli “arrocco” falliscono … 
Anzi, spesso falliscono …

[4]  Sempre su questo tema, cfr. R. Calasso, La Rovina di Kasch, Adelphi Edizioni, Milano 1983, il cap. intitolato “il taglialegna e il pescatore” (pp. 106-107), dove si citano le avventure americana di Talleyrand e ciò che scrive di queste due figure tipiche dell’America dell’epoca (da leggere, un “must”, come si dice); questo libro è stato più volte citato su questo blog. 

[5]  Sempre sull’America, cfr. T. K. Hoskins – I. Wallerstein, L’era della transizione. Le traiettorie del sistema-mondo 1945-2025, Asterios Editore, Trieste 1997 (si noti la data), anch’esso più volte ricordato in questo blog. 















38 commenti:


  1. Tonnellate di pseudo spiritualismo, necessarie a depistare, armi di devastazione mentale di massa ...


    RispondiElimina
  2. Sul complottismo, visto per ciò che davvero è, senza condannarlo, come ha fatto il residuo della “sinistra”, cfr. http://associazione-federicoii.blogspot.it/2016/11/due-passi-da-un-recente-libro-di.html.

    RispondiElimina
  3. Una posizione sulla lettura astrologica?
    le spara grosse (solo); è pericoloso; è MOLTO pericoloso ?!?

    RispondiElimina
  4. Ma sai, un conto è rispondere ad un quesito preciso, altro è un giudizio più vasto che, inevitabilmente, tocca le convizioni dell’astrologo stesso.

    E quindi c’è chi dice che Trump abbia “sparato” per farsi eleggere, chi dice sia pericoloso, chi **molto** pericoloso.

    Un link eventualmente interessante è questo: https://macroastro.wordpress.com/2016/11/08/first-salvo/, con qualche considerazione utile.

    Secondo l’autore del post appena citato, Trump è solo l’inizio di un decennio di “passione” per gli Usa.

    RispondiElimina
  5. Un altro link interessante, del 20 ottobre del ****2015**** è:
    http://cosmologer.blogspot.it/2015/10/americas-date-with-destiny.html

    RispondiElimina
  6. Secondo quest’ultimo blogger: “The end of greatness
    Cosmologer’s blog - April 4, 2008”.

    Poi: “Rise of U.S. Imperial Power
    Cosmologer’s blog - March 7, 2010”.

    Vale a dire: ‘“A predicted U.S. resurgence will likely take place in the coming Sun major period (2016-2022).”’.

    La “ferita” del 2008 è stata risaldata? E tutto il mondo ... ?

    RispondiElimina

  7. Le prima decisioni annunciate già; fine Obamacare, e questo era ovvio e scontato, fine della **debolissima** quasi evanescente ““riforma”” di Wall Street voluta dall’amministrazione Obama, dopo lo shock del 2008, quando, l’anno dopo – il 2009 per l’appunto – si disse: “mai più! Mai più! Si ‘deve’ riformare la finanza”, ah ah. Da ridere.
    Ma il punto è che l’amministrazione Trump vuol togliere anche ‘sta foglia di fico …

    Ma non era “contro ‘le’ banche” e “contro Wall Street” … ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
    Esaltato dai soliti populismi che servono a deviare il dissenso, quel po’ che ce n’è di reale …

    Per il resto, come disse un famoso cardinale (che de ‘ste cose se n’intendeva …), “Vulgus vult decìpi”, cui **sempre** si risponde: “Ergo decipiàtur” …




    RispondiElimina

  8. ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
    le panze de risa, non de riso eh



    RispondiElimina
  9. Come mai gli astrologi ci prendono (almeno così pare) in caso di eventi come Brexit e Trump? Forse che quando c'è un cambiamento del vento seppur minimo riescono ad esserne sensibili? In effetti questo poi dovrebbe essere il loro mestiere!

    Interessante il link di Macroastro, le varie "sub-age" individuate dall'autore sono date tutte significative, tipo quella che finisce nel 1612, ma anche altre.

    RispondiElimina

  10. **Dovrebbe essere** il loro mestiere, ma, come ho risposto ad un’altra domanda di un altro “avventore” del blog, mica è detto, qualora siano messe in questione le **opinioni**. E quindi, **non** certo casualmente, s’individua la tendenza dominate, ma poi ci si divide molto riguardo alle **conseguenze**, nel nostro caso cosa farà effettivamente Trump, anche se mi pare sempre più chiaro, nel senso dei miei commenti precedenti: il Grande Arrocco.

    Certo che ogni “età” *+zodiacale** può essere a sua volta divisa in “sotto età”, a loro volta riferentisi ad un segno dello Zodiaco stesso.

    RispondiElimina
  11. Chiara l’allusione agli accordi di Westfalia e il 1612 ... quella Westfalia ricordata da Guénon come **effettivo inizio** della modernità dal punto di vista **politico**, come radici sono secondo lui la modernità risale alla fine del XIV sec..

    Se Trump è un “Grande Arrocco”, la risposta dell’establishment, che **solo** negli USA poteva darsi, non certo nell’Europina piccola piccola, su di una cosa, però, possiamo esser sicuri, al riguardo di Trump: che se “i re dell’Oriente passano l’Eufrate” lui non si opporrà, causa “amicizia” con Putin & C.


    RispondiElimina
  12. http://associazione-federicoii.blogspot.it/2016/07/riflettendo-su-di-un-vecchio-libro-di-j.html

    http://associazione-federicoii.blogspot.it/2015/03/nuovo-medioevo-tuttaltro-che-nuovo.html

    http://associazione-federicoii.blogspot.it/2015/04/ah-ah-ah-ride-bene-chi-ride-ultimo.html

    https://associazionefederigoiisvevia.files.wordpress.com/2014/03/il-e2809clibretto-neroe2809d-il-caffc3a8-30-dicembre-2003-anno-vi-n-48-274.jpg

    http://associazione-federicoii.blogspot.it/2015/04/rene-guenon-vecchio-articolo-del-2007.html



    RispondiElimina

  13. Cfr. http://associazione-federicoii.blogspot.it/2016/09/la-difesa-del-dollaro-continua-effetto.html

    E non solo Fed, vediamo se i mariti delle tasse saran fatti alzare e se il petrolio si conferma in discesa ...
    In ogni caso, My Life In The Bush Of Ghosts - America Was Waiting - ed ora l’hanno avuto, quel che aspettavano (si ascolti il etsto) ....
    https://www.youtube.com/watch?v=fS4Q9OLJlAk



    http://chineseposters.net/images/e13-801.jpg
    http://chineseposters.net/images/e13-802.jpg
    https://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/6/61/Tracks_in_the_Snowy_Forest_poster.jpg


    RispondiElimina



  14. Si sia Discreti - Discrezione, please -
    https://www.youtube.com/watch?v=xe-mzPkW3JI

    Brian Eno - I Dormienti - ma non i 7
    https://www.youtube.com/watch?v=7qEu0kuoKEQ

    Brian Eno & Harmonia '76 - Almost (2009 Remaster) -
    https://www.youtube.com/watch?v=K2E48931o7Y

    Brian Eno - Fullness Of The Wind -
    https://www.youtube.com/watch?v=z_VluBnUns8

    Harmonia & Eno '76 // Welcome
    https://www.youtube.com/watch?v=gJbSQHz5WOg

    Brian Eno interviewed in 1974
    https://www.youtube.com/watch?v=uP4F4lKE7Qc

    RispondiElimina
  15. Vedo che America Was Waiting risale al 1981, 1980 in realtà la data degli elementi della campionatura, in relazione all'elezione di Reagan che fu un altro tassello non indifferente nell'avanzamento della crisi.

    Ti ringrazio pure per il non casuale intermezzo musicale, sono sempre stato un appassionato della musica ambient che però ho conosciuto "via" metal estremo, mentre Brian Eno lo conoscevo solo per aver fatto la colonna sonora di "Wall Street" (non mi bannare pleeease!)
    My Life In The Bush Of Ghosts è una perla!

    Tutte date casuali quelle degli album...

    RispondiElimina
  16. Date del tutto “casuali” ... ed “America Is Waiting” ci parla di quel sostrato profondo che ha dato - e contiüa a dar - il consenso al “System” della G.P., e che è ritornato, però **unito** a grosse parti dell’elettorato dell’ex “sinistra” (i “sinistrati”, mentali ovvio, con la loro **straordinaria** e **totale** incapacità di afferrare il “vento” dei tempi, lo “Zeitgeist” in somma e differenza): qui vi è una grossa differenza con Reagan che, giustamente, dici essere stato un altro “tassello”.

    Che poi l’arrocco funzioni davvero, è dubbio: gli “ha rock” bene non portan, nella storia ...

    Ma è **altro** discoso, qui siamo ancora alle analisi ...




    RispondiElimina
  17. Un altro link di astrologia, di riflessione: “Lessons from predicting the unpredictable”, link: http://cosmologer.blogspot.it/2016/11/lessons-from-predicting-unpredictable.html.

    E quest’astrologo predice anche il risorgere della potenza americana, per la verità mai passata del tutto, appannata più che altro, già nel 2010: http://cosmologer.blogspot.is/2010/03/rise-of-us-imperial-power.html.

    Temi di discussine, ovviamente, cui qui non si vuol dare alcuna risposta “certa ed assoluta”, ben sapendo che il paradossale si realizza, e la vittoria di Trump è tutto fuorché tale ...

    Bisognerà davvero vedere se questo Grande Aroocco abbia davvwero “rock” o sia piuttosto “slow”, per citare - del tutto **ironicamente** - risibili “categorie” in voga ancor oggi, ma spearsi per poco tempo ancora ...




    RispondiElimina
  18. Altri due blog che hanno correttamente visto al vittoria di Trump: http://astrodynamics.net/i-did-predict-election-outcome/; http://darkstarastrology.com/president-donald-trump/.

    RispondiElimina
  19. Qusto link http://www.bluelightlady.com/blog/2016/11/the-astrology-of-fear-part-two/, invece, punta l’attenzione sullo “stellium” in Capricorno, “stellium” che avverrà nei prossimi anni - dopo che Satrunro avrà superato ils ego tropicale del Sagittarius (che è stato una sorta di “Interregnum”, come correttamente visto sul sito austincoppock.com), “stellium” che sarà fondamentale per le sorti del “System” e del capitalismo.

    Tra l’altro, Trump pare esser stato appoggiato da quelle parti di Wall Street e della finanza **meno** legate all’elettronica, quasi una “vendetta” ...


    RispondiElimina
  20. Questo sito di riflessione astrologica punta il dito contro la totale incapacità di discussione reale al giorno d’oggi prevalente, http://www.astroinquiry.com/2016/11/american-dada-some-thoughts-about-your-life/.

    RispondiElimina
  21. Riassumendo da un lato la Grosse Coalition, dopo una fase di debolezza, potrebbe rafforzarsi ed è proprio la situazione apparentemente paradossale in cui i “re dell’Oriente passeranno l’Eufrate” ...




    RispondiElimina
  22. Da un punto di vista più “systemico”, l’elezione di Trump segnala una profonda spaccatura interna nel Systema della “Grande Prostituta”, al punto da “stanare” certi gruppi al suo interno. Se Trump pone davvero i dazi, beh quella sorta di bnaccia in atto non potrà più durare per sempre, ...

    In tal senso, ci si avvicina all’Ora ...


    RispondiElimina

  23. La rilevanza del link sul futuro “stellium” in Capricorn (1) sta in questo: che Trump ha Saturno in Cancro e, nonostante la fasulla “mitologia” su “Saturno contro”, aver, appunto, Saturno contro è **largamente** insufficiente: il problema dell’astrologia è appunto quello di **giudicare** le ***combinazioni*** fra gli astri. In una parola, l’astro “singolo” sta solo nella testa di chi studia, non esiste nella realtà …
    Trump avrà, dunque, presto un bel po’ d’astri contro il suo Saturno natale, il che, a sua volta, ha senso solo nel’ambito di una riflessione più vasta: di novo, non puoi ragionare partendo da un astro solo poiché è procedimento **metodologicamente scorretto**, nel caso in questione, infatti vari segni lasciano intravvedere come D. J. Trump avrà problemi anche prima dello “stellium” il quale, quanto ad esso, al massimo potrebbe avere il ruolo di “detonatore” per varie contraddizioni, nel frattempo – anche grazie al suo governo – andate accumulandosi …

    Questo se lo chiede chi ragiona per “scenari” (cfr. http://cassandralegacy.blogspot.it/2016/11/trump-on-way-to-scenario-3.html), anche se io non credo né allo scenario 2 – che non s’è mai e poi mai realizzato, nonostante gli “utopismi” style Anni Settanta e pria metà degli Ottanta – e né credo allo scenario 4.
    Il più probabile rimane lo scenario 3, ch, però, NON POTRÀ ESSER REALIZZATO. “Ergo”,

    (1) In relazione a Trump …



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che belli i tuoi post che stimolano una scarica di tuoni e fulmini di intuizioni e collegamenti, di queste "cose difficili" ne fai venir fuori un gioco!

      Elimina
  24. Ergo, interregnum terminat...
    Si vedrà allora, come scritto nel finale di "Bignamino 2", se questa "tendenza" che spunterà fuori dopo l'erosione delle due in atto non generi una contro-tendenza di cui molti sono assetati da tempo.

    RispondiElimina

  25. Il pensiero **necessita** di fuoriuscire dai sentieri “prefabbricati”, dagli “habitus” di pensiero sempre fissi: pensa solo a cosa è diventato il “guénonismo” a furia di ripetere pari pari, come papa-galli, o pappa-valli, le frasi di Guénon nel presupposto, così facendo, di “guadagnare” la stessa autorevolezza da lui – all’epoca – avuta, e col solo risultato di stancare e di fissarsi su cunicoli privi di vie d’uscita!!

    Ma su ciò mi son espresso molte, tante, forse sin troppe volte …


    Eh sì, siamo in vista del termine dell’ “Interregnum” …

    ‘Si vedrà allora, come scritto nel finale di “Bignamino 2”, se questa “tendenza” che spunterà fuori dopo l’erosione delle due in atto non generi una contro-tendenza di cui molti sono assetati da tempo’. – esatto, esattamente questo.



    RispondiElimina
  26. Dal programma dei primi 200 giorni di Trump si evince e **si conferma** la prima impressione che si è subito notata in questo blog: e cioè di essere una sorta di “Grande Arrocco”.

    Infatti sparisce il muro - già c’è, per quanto imperfetto e discontinuo ... - e si mantiene (udite! udite!) l’Obamacare, ma il gran cambiamento avviene in ambito economico: si rifiuta e ridefinisce il Tpp, non solo, ma si va verso una politica espansiva che richiede un ulteriore rafforzamento del dollaro, del qual tema qui si è detto varie volte.

    A questo punto, la Yellen non può avere più alcuna scusa per non aumentare i tassi e consentir così a Trump di diminuire le tasse.

    Ma questo, a sua volta, ha delle definite conseguenze sui debiti pubblici di vari paesi ...

    Insomma Trump crede davvero che ciò sia possibile senza ulteriormente squilibrar il Systema ...








    RispondiElimina
  27. Dunque nessuna sorpresa, tutto secondo previsioni: un ex di Goldman$Sachs al Tesoro ...

    Alla faccia dell’esser “contro” Wall Street ...

    E al Commercio pure non si scherza ...

    RispondiElimina
  28. Insomma il “ribellismo senza né capo né coda”, il “ribellismo senza oggetto o per cause ‘morali’” - “de facto” - agisce sempre in senso **sbalizzante** systemico

    RispondiElimina
  29. Che cosa si deve vedere in tutto ciò? ... Il “governo dell’1%”, ecco cos’è, “il governo dell’1%” che si vede sempre più sfuggir di mano l’**insieme’ della società, che vede sempre di più i fattori **degenerativi** sociali accrescersi e si rende conto che non può durare a lungo in tal modo ...

    Decide allora d’**intervenire direttamente**, **non più** attraverso la “mediazione” della “politica”, qualunque cosa oggi possa significare il termine “politica”, ben poco comunque ormai ...

    Questo è **altamente** importante, senza dubbio molto significativo.

    E’come la rottura di un Patto non scritto e l’alterazione di un equilibrio. Nelle nazioni non “occidentali”, le oligarchie da tempo son entrate direttamente in gioco (ed ecco i vari Putin), mentre in Occidente rimaneva la “maschera democratica dell’oligarchia” (per citare il titolo di un libro recente).

    Ora quindi la MASCHERA STA PER CADERE?

    Questa qui è, a mio avviso, la questione fondamentale, “systemica”, ricollegabile al governo ed all’emersione di Trump. Che ha avuto - ed ha ancor più ora - il “consensus”, non nascondiamocelo: il “System” il consenso ce l’ha **semrpe** avuto, con buona pace delle “ubbie” nebbiose “comuniste” depistanti di un “popolo” rivoluzionario “naturaliter”, cosa ch’è sempre stata solo inc erte teste ....


    RispondiElimina
  30. Interessante link: https://macroastro.wordpress.com/2016/12/04/is-the-usa-in-retreat/

    RispondiElimina

  31. “QUANDO VEDRETE IN TELEVISIONE IL PROSSIMO PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI, SAPRETE CHE È STATO QUI E CHE LO ABBIAMO CREATO NOI … PER FARE I **NOSTRI INTERESSI**” (“Il Grande Gioco” – “MARTIN MYSTÈRE” n°348, dicembre 2015 – gennaio 2016, , p. 141, grassetti in originale, segnati come “**”).

    “- MMM … GIÀ, CHI È, POI? – [Martin Mystère] -. – IL SUO NOME NON VI DIREBBE NIENTE, MYSTÈRE: È SOLO UN POLITICANTE DI TERZ’ORDINE MA FOTOGENICO E BEN VESTITO … … NEI PROSSIMI QUATTRO ANNI, TUTTAVIA, FARÀ UNA **CARRIERA FULMINANTE**, GRAZIE AL **CARISMA** … ENTRAMBI I PARTITI LO VORRANNO COME LORO UOMO … MA LUI INVECE LAVORERÀ **SOLO PER NOI**! [capo della “Confratrernita alessandrina”]” (ivi, p. 147, grassetti in originale segnati dal “**” come sopra).


    RispondiElimina
  32. “Is Trump the New Caligula?”, https://macroastro.wordpress.com/2017/01/01/is-trump-the-new-caligula/.




    RispondiElimina
  33. “It is now May’s task to tell Trump the truth about Putin” https://www.theguardian.com/commentisfree/2017/jan/02/may-trump-truth-putin-russian-aggression

    RispondiElimina
  34. “In an ever-changing, incomprehensible world the masses had reached the point where they would, at the same time, believe everything and nothing, think that everything was possible and that nothing was true... Mass propaganda discovered that its audience was ready at all times to believe the worst, no matter how absurd, and did not particularly object to being deceived because it held every statement to be a lie anyhow.
    The totalitarian mass leaders based their propaganda on the correct psychological assumption that, under such conditions, one could make people believe the most fantastic statements one day, and trust that if the next day they were given irrefutable proof of their falsehood, they would take refuge in cynicism; instead of deserting the leaders who had lied to them, they would protest that they had known all along that the statement was a lie and would admire the leaders for their superior tactical cleverness...

    The ideal subject of totalitarian rule is not the convinced Nazi or the dedicated communist, but people for whom the distinction between fact and fiction, true and false, no longer exists.”

    Hannah Arendt, “The Origins of Totalitarianism”, dalla pagina intitolata: “The Great Temptation of Confusion and Complexity and the Rise of the Will to Power”, link http://jessescrossroadscafe.blogspot.it/2017/01/the-great-temptation-of-confusion-and.html.




    RispondiElimina
  35. Intanto vanno nella direzione della dissoluzione senza speranze: “A Stronger Economy Will Also Destroy Jobs, but It’s Necessary”, http://reason.com/archives/2017/01/02/a-stronger-economy-will-also-destroy-job. Ah ah


    RispondiElimina
  36. Intanto “Syria’s War Was Only Ever the Beginning”, http://landdestroyer.blogspot.it/2017/01/syrias-war-was-only-ever-beginning.html.

    Come sempre, i risultati saran del tutto lontani dalle intenzioni, confessate o confessabili ....

    RispondiElimina